Notizia evento di Certaldo Sito internet economico Frese per legno, utensili per legno
Eventi di Certaldo

“Certaldo,
come voi forse avete potuto udire,
è un castel di Val d’Elsa
posto nel nostro contado,
il quale, quantunque picciol sia,
già di nobil uomini e d’agiati
fu abitato”

Giovanni Boccaccio

➜ ULTIME NOTIZIE     ➜ EVENTI DA NON PERDERE

Palazzo Pretorio di Certaldo: Un gioiello per tutta la Valdelsa

Stamani presentazione dei lavori svolti, in corso e in programma
Comune: ”Prestigio, bellezza e spazi, propulsori per l’intera area

➜ Politica e Amministrazione


Palazzo Pretorio
Palazzo Pretorio

Presentato stamani a Palazzo Pretorio il secondo lotto dei lavori, attualmente in corso, dei tre previsti che riporteranno il Palazzo Pretorio al suo antico splendore, dando risposte anche ai problemi strutturali e realizzando una nuova accessibilità per i portatori di handicap.

Ad illustrare i lavori Francesco Betti, Vicesindaco e Assessore ai lavori pubblici, Pier Giuseppe Spannocchi, Dirigente comunale e responsabile del procedimento, e Fabiana Fondi, della Cooperativa di restauratori R.O.M.A.; assente perché in viaggio su un treno rimasto bloccato sulla Firenze Empoli il prof. Gennaro Tampone, Progettista e direttore dei lavori, lavori che sono stati comunque illustrati nei dettagli dai presenti.

Il restauro di Palazzo Pretorio si sta svolgendo in tre lotti: il primo, concluso nel 2009, ha riguardato il consolidamento strutturale di travi ed archi, del loggiato interno, delle prigioni.
Una serie di lavori la cui urgenza era evidente, ai quali è stata affiancata una serie di interventi di sondaggio e studio per comprendere meglio quali fossero i consolidamenti necessari ma meno evidenti, che sono stati poi elaborati e saranno eseguiti con il terzo lotto di lavori.

Il secondo lotto, attualmente in corso, riguarda invece il restauro delle superfici, ovvero di affreschi, pitture, stemmi di terracotta e di pietra.
Un lavoro complesso e difficile, soprattutto per quanto riguarda la facciata, dove, complici gli agenti atmosferici, l’usura è più forte.
I lavori si concluderanno la prossima primavera.

Il terzo lotto, che verrà appaltato entro l’estate ed inizierà presumibilmente a fine anno, riguarderà invece, oltre all’ultima parte di consolidamenti, anche l’abbattimento delle barriere architettoniche per adeguare il museo agli odierni standard di accessibilità, grazie alla realizzazione di scivoli, servo scale, e di un ascensore. Inoltre la casa del custode verrà risistemata ed adibita a biglietteria e bookshop.

L’investimento previsto sarà, alla fine, di 1,5 milioni di euro, ovvero 625mila euro di fondi comunali e 875mila euro di fondi regionali.

”I lavori sono partiti grazie ai fondi comunali, ma trovando poi subito il sostegno della Regione Toscana hanno spiegato il vicesindaco Betti e il dirigente Spannocchi si tratta infatti del più grande lavoro di consolidamento e restauro mai fatto da fine Ottocento, quando la municipalità acquisto il Palazzo da privati e lo restaurò.
La sfida di oggi è quella di farne un polo museale capace di essere un attrattore di turisti non solo per Certaldo, ma per tutta la Valdelsa e l’area.
Una volta che saranno risolti i problemi strutturali e saranno fermati i fenomeni di deterioramento, ed il Palazzo sarà accessibile in sicurezza, avremo a disposizione uno spazio museale unico, grazie alla sua storia, alle opere che contiene, e ad una superficie espositiva potenziale di circa 2.000 metri quadri.

Entrando nel merito del secondo lotto dei lavori poi, Fabiana Fondi del Consorzio Restauratori Opere e Manufatti Artistici (ROMA) ha illustrato l’intervento, le aspettative, le difficoltà: ”Il nostro intervento sarà conservativo, non faremo ricostruzioni o cambiamenti, ma punteremo a pulire e metter in sicurezza le opere salvaguardando il loro aspetto.
Abbiamo trovato gli stemmi, soprattutto quelli della facciata, in condizioni davvero critiche, e il cattivo tempo di queste settimane ha anche ostacolato le operazioni di restauro.
Siamo però intervenuti in tempo per evitare perdite irrimediabili, e anche se il restauro non potrà azzerare il deterioramento, il nostro intervento le metterà in sicurezza. Sia il valore storico che artistico di queste opere è notevole, e auspichiamo che in futuro si faccia un monitoraggio frequente soprattutto della facciata, perché essendo maggiormente esposta agli agenti atmosferici sarà sempre più sottoposta all’usura del tempo”.

Al termine, è stata effettuata anche una visita sui ponteggi della facciata, fino allo stemma mediceo di pietra, parzialmente caduto nel gennaio 2008 e che dovrà ora essere ripristinato.
Ancora da decidere se questo stemma, considerata la poderosa mole, verrà restaurato sul posto o staccato completamente per essere esposto nel Palazzo e sostituito con una copia.

26/1/2011 Comune di Certaldo

Ti piace questo articolo?
Consiglialo su Google, clicca su +1!

Chiavi di lettura: Palazzo Pretorio (115), Restauro (14), Valdelsa (20), Comune di Certaldo (210), Accessibilita (4), Francesco Betti (24), Pier Giuseppe Spannocchi (7), Affreschi (5), Stemma (5), Terracotta (3), Regione Toscana (42), Museo (23), Storia (22), Arte (50), Usura (2), Medici (7)